Paesaggio invernale

Non chiacchierio di passeri
fra le rame nude dei tigli.

Radi i passanti per le vie deserte,
cinereo il cielo ogni cosa avvolge
e tutto tace e pare come morta.

Pur il villaggio di sua vita ferve,
intima, raccolta e l’indovini
dai comignoli fumanti,
dal canto di una mamma,
che culla il suo bambino,
da qualche voce che chiama
e che si perde e spegne.

Anche la vecchia torre
ascolta quelle voci familiari
e s’acconcia a passare come può
un altro inverno
della sua lunga, secolare vita.

Prof. Carmine Vacca, nato a Summonte il 01 dicembre 1900